fotocult.it home page
home page
sommario
editoriale
Foto Cult : arretrati
abbonamenti
segnala edicola
segnala mostre e concorsi
le tue fotografie
Foto Cult : partner
Foto Cult : contatti
Foto Cult : privacy and cookie policy
spacer
spacer

Pronti a tutto
FOTO Cult - Aprile - Maggio 2022 #190

ingrandisci la copertina
Emanuele CostanzoTra le battute più semplici ed efficaci per ironizzare su un periodo di crisi che sembra non finire mai, c'è quella espressa da un meme che mostra la sequenza di due immagini relative a pandemia, guerra e, a chiudere, una terza con due alieni minacciosi e il fumetto: "Prepariamoci, che l'anno prossimo tocca a noi". Nel web ne gira anche una versione che, al posto degli alieni, mostra alcune cavallette, ma il senso è quello: parrebbe opportuno essere pronti a ogni evenienza e prepararsi a resistere. La tenuta da lavoro del fotografo "à la page" prevede quindi, oltre alla mascherina, che forse sta passando di moda, l'elmetto e il binocolo per sbirciare ogni tanto oltre le nuvole. E nella borsa?
FOTO Cult diventa bimestrale. Quindi ci rivedremo in edicola alla fine di maggio. Noi, però, nel frattempo non resteremo con le mani in mano: seguiteci su Facebook e Instagram, il modo più rapido per essere aggiornati sulle novità in arrivo!Qual è l'impatto che l'informazione socio-sanitaria-militare-politico-economica sta avendo sulle nostre abitudini e in particolare sul nostro hobby? Lo sa bene chi ha provato a comprare una fotocamera nuova: per i modelli più desiderati/aggiornati/recenti ci sono lunghi tempi di attesa, nell'eventualità migliore. La carenza di componenti elettroniche ha rallentato tutta la filiera con particolari ripercussioni nei comparti a elevato contenuto tecnologico, ma non solo. Molte aziende hanno rimandato il lancio di nuovi prodotti e l'attuale clima internazionale (scrivo queste righe il 21 marzo, inizio della primavera) potrebbe ulteriormente indurre a rivedere i calendari. Bisogna poi considerare che una sacrosanta prudenza induce tutti noi a ponderare gli acquisti, soprattutto se riguardano beni voluttuari. Dato questo panorama, fatto di carenza di nuove proposte, di prezzi non sempre popolari delle poche novità e di preoccupazione strisciante, non sorprende che il mercato dell'usato attiri l'attenzione di molti fotoamatori. Nello scorso numero di marzo portavo l'attenzione sul fatto che l'inseguimento compulsivo dell'ultimo ritrovato, anche quando non necessario alla propria attività, ha reso disponibili prodotti di altissimo livello, ma basati su tecnologia "obsoleta", a prezzi relativamente contenuti. Ci riferiamo ovviamente alle reflex digitali. Oggi è importante sottolineare come il mercato dell'usato sia da considerare una risorsa alternativa di importanza strategica. Non solo per chi acquista fotocamere, dato che si possono realizzare sogni o progetti altrimenti impossibili, ma anche per chi le vende per professione. Credo che mai come in questo periodo il mercato del nuovo vada alimentato favorendo la sostituzione, rimettendo sul mercato prodotti revisionati, puliti e garantiti - in una parola, ricondizionati - da una struttura commerciale rassicurante e competente. Un modo, tra l'altro, di tentare l'ampliamento di una platea che, a causa degli smartphone, negli anni si è ristretta fino a ricomprendere il solo nucleo del mondo fotoamatoriale, se non addirittura qualcosa in meno...
A chi invece si accinge a compiere il gran passo verso la fotografia più impegnata e vuole farlo godendo della tecnologia più aggiornata con un occhio al portafogli, in questo numero dedichiamo la guida all'acquisto delle mirrorless entry-level e di fascia media con sensori QuattroTerzi o APS-C: evitare il full frame di ultima generazione, quando il budget è limitato, è a conti fatti una via obbligata, ma non per questo priva di soddisfazioni o di possibili espansioni del corredo verso assetti anche professionali.
Il mercato delle materie prime e dell'energia non ha avuto ripercussioni negative solo sul prezzo dei prodotti fotografici, ma anche su quello della carta e dei processi di lavorazione che portano al fascicolo che tenete tra le mani. E così, nostro malgrado, per non imporre un nuovo e oltremodo odioso aumento del prezzo di copertina, siamo costretti ad adottare una periodicità bimestrale. Quindi ci rivedremo in edicola alla fine di maggio. Noi, però, nel frattempo non resteremo con le mani in mano: ogni momento critico dev'essere trasformato in una molla. Non possiamo ancora essere più espliciti, e vi chiediamo solo di restare in contatto attraverso le nostre pagine social su Facebook e Instagram, il modo più rapido per essere aggiornati sulle novità in arrivo!
FOTO Cult | Tecnica e Cultura della Fotografia | contatti | privacy | credits