fotocult.it home page
home page
sommario
editoriale
Foto Cult : arretrati
abbonamenti
segnala edicola
segnala mostre e concorsi
le tue fotografie
Foto Cult : partner
Foto Cult : contatti
Foto Cult : privacy and cookie policy
spacer
spacer

A chi serve (davvero) la corsa ai megapixel?
FOTO Cult - Giugno - Luglio 2022 #191

ingrandisci la copertina
Daniele Confalone# In fondo, non serve (davvero) a nessuno. Potrebbe essere questa la risposta al quesito qui sopra. Ma è errata: se i costruttori di fotocamere continuano ad accrescere la quantità di pixel dei sensori, una qualche utilità, per qualcuno, ci dovrà pur essere. Altrimenti le full frame non avrebbero sfondato la barriera dei 60MP e le MQT (il cui sensore ha una superficie di quasi quattro volte inferiore) non si sarebbero spinte al record di 25MP della nuova Lumix GH6.

Dodici megapixel sono abbastanza per soddisfare la maggior parte delle esigenze dei clienti - Akira Watanabe, Olympus, marzo 2009# Ormai da anni, molti fotografi professionisti ironizzano (ma neanche troppo) sul fatto che la corsa ai megapixel serva, in ultima analisi, solo a vendere più fotocamere. Cioè a mantenere vivo l'interesse per la loro evoluzione: quando un apparecchio è percepito come superato, la prima tentazione è di sostituirlo. Puro qualunquismo? Magari sì, magari no.
Correva l'anno 2009 quando Akira Watanabe, allora manager della pianificazione Imaging SLR di Olympus, disse che a suo avviso "dodici megapixel sono abbastanza per soddisfare la maggior parte delle esigenze dei clienti", e aggiunse di non avere interesse per la corsa alla super-risoluzione.
Il contesto era quello di un'intervista rilasciata a cnet.com durante il PMA di Las Vegas relativamente al sistema E, incentrato su reflex QuattroTerzi: giusto quello che Olympus avrebbe dismesso di lì a qualche anno per concentrarsi sulle mirrorless, anticipando una tendenza che oggi coinvolge tutti i costruttori. Alle affermazioni del manager giapponese seguì il chiarimento che l'esempio dei 12MP era rapportato al formato QT, e che per risoluzioni oltre i 20MP era consigliabile il full frame.

# Watanabe non peccava certo di retrograda miopia, né voleva spingere i fotografi ad accontentarsi, ma da tecnico sagace dava il dovuto valore alla densità dei pixel. Infatti, nella stessa occasione spiegò che era opportuno concentrarsi su altre caratteristiche, quali la gamma dinamica, la riproduzione dei colori e la resa agli alti ISO. In altre parole sull'efficienza, notoriamente proporzionale alle dimensioni fisiche dei pixel e alla distanza fra gli stessi, grandezze che si riducono al crescere della densità. Com'è logico influiscono pure l'architettura delle circuitazioni del sensore stesso e l'elettronica di bordo, ma a monte del processo complessivo ci sarà sempre la geometria dei fotodiodi. E le leggi della fisica e dell'ottica non fanno sconti.

# Pacifico che quei "retorici" dodici megapixel di Watanabe fossero rapportati allo status tecnologico dell'epoca. Ma il punto è che potevano, e possono tutt'oggi, tradursi in stampe fotografiche di alta qualità con base di circa trenta centimetri, ossia al di sopra delle esigenze del grande pubblico. Se, poi, ragioniamo in termini di visualizzazione a monitor (quindi in pixel, e non in "punti" di una stampa), allora ne bastano molti di meno.
Ma già che si parla di computer, rivolgiamo un pensiero anche ai file: la corsa ai megapixel li fa ingrassare, rendendo necessari processori sempre più potenti per la postproduzione dei RAW, maggior capacità d'archiviazione, e amplissimi monitor professionali per le lavorazioni "di fino". Per non dire delle difficoltà di condivisione in rete, o del fa tto che i sensori super-densi accrescono pure il rischio del mosso in ripresa. Fino a che punto ne vale la pena? E per quanti di noi? Una fotocamera traboccante di megapixel rischia di essere paragonabile a un'impegnativa supercar guidata nel traffico e nel rispetto dei limiti di velocità: non se ne sfrutta il potenziale, sicché la sua scomodità e gli elevati costi di gestione appaiono ingiustificati.

# Chiaro che abbiamo ragionato per paradossi. Sappiamo bene che per alcune applicazioni disporre di una super-risoluzione, finanche quella portentosa che alcune fotocamere raggiungono a suon di scatti additivi e microtraslazioni del sensore, ha in alcuni casi sacrosanta ragion d'essere: si pensi magari alla fotografia documentale, museale, pubblicitaria. Insomma, gli esempi non mancano, ma si parla di nicchie. Quindi d'accordo, l'incipit di questo editoriale è sbagliato. Non è vero che la corsa ai megapixel non serve a nessuno. Ma se è plausibile che è (davvero) utile a pochi, allora il marketing dovrà leggere i dodici megapixel di Watanabe come una profezia. E, stanti i livelli di risoluzione oggi raggiunti, iniziare a guardare altrove.
FOTO Cult | Tecnica e Cultura della Fotografia | contatti | privacy | credits