fotocult.it home page
home page
sommario
editoriale
arretrati
abbonamenti
segnala edicola
segnala mostre e concorsi
le tue fotografie
lavora con noi
Foto Cult : partner
contatti
spacer

Chi ha paura di pollicino
FOTO Cult - Marzo 2012 #86

ingrandisci la copertina

Daniele ConfaloneL'anomala ondata di freddo che ha investito l’Italia dai primi di febbraio ha generato una altrettanto anomala valanga di fotografie. Normale, nell’epoca in cui in qualsiasi posto e in qualsiasi momento accada qualcosa, c’è un esercito di reporter occasionali (non professionisti) pronti a dare il loro pesante contributo alla cronaca.
Essendo questa una rivista mensile, fare cronaca istantanea è impossibile e così, grati all’immediatezza della nostra pagina di facebook, avevamo lanciato una sfida: ai tre autori delle tre Fotografie del Freddo con più preferenze da parte degli altri fan (la preferenza social si esprime con un clic sul simbolino di un pollice alzato, che vuol dire "Mi piace") era stato promesso in regalo un abbonamento annuale alla rivista. Le terna eletta dalla giuria popolare di facebook apre il Palco Speciale di pagina 44; tutte le altre immagini sono state selezionate dalla redazione - sempre fra quelle pubblicate nella bacheca di facebook - indipendentemente dai "Mi piace", bensì sulla base dei parametri estetici, tecnici e compositivi propri della nostra linea editoriale.
Ma torniamo alla cronaca: quando su facebook abbiamo "proclamato il vincitore" (vale a dire ribadito quanto già noto, visto che il numero delle preferenze è pubblico e poteva essere monitorato da chiunque già durante i giorni di svolgimento del contest) non sono mancati gli effetti collaterali.
C’è stato chi ha rilevato che il successo su facebook è determinato più dalla quantità di amici dell’autore che dalla qualità della foto (ma il funzionamento e la fortuna di facebook non si basano proprio sul numero delle relazioni?). C’è stato chi ha dichiarato che avrebbe smesso di acquistare la rivista (facendo un po’ di confusione fra la selezione dei contenuti operata da una redazione di professionisti e lo spirito di un social network che, invece, implicitamente esclude limitazioni di spazio e d’accesso). E c’è stato chi, pur giocando in "ambiente facebook", quando i giochi erano conclusi s’è accorto di avere avuto a che fare con parametri di giudizio tutt’altro che severi (perché avrebbero dovuto esserlo? Lo sono già abbastanza quelli da noi applicati per la pubblicazione nelle pagine della rivista).
Insomma, se a moltissimi l’iniziativa è piaciuta (in particolare ai tre nuovi abbonati gratis...), non è mancato qualche bravo fotografo deluso per non essere stato adeguatamente valorizzato dal popolo dei "pollicini di gradimento". Per tacere di chi ha invocato la rimozione (cioè la "censura") delle foto meno meritevoli!
Poi per fortuna il freddo è passato e la nostra bacheca ha ripreso a essere il solito piccolo luogo libero (forse, libero perché ancora piccolo) nella rete dove tutti possono piazzare le loro fotografie. Almeno fino al nostro prossimo social contest, non dovranno preoccuparsi di essere trascurati dagli amici degli altri o immeritatamente apprezzati dai propri. Al massimo potrà succedere loro di essere contattati dalla redazione, che talvolta pubblica autori "pescati" in bacheca anziché attraverso i canali tradizionali.
A chi vuole mettersi in gioco consigliamo di farlo con l’obiettivo giusto: divertirsi. Se si vive la fotografia in quest’ottica, arriveranno soltanto soddisfazioni. Come quella che facebook ha riservato a Matteo Vaccari, che si è inventato un "soggetto freddo" (lo vedete qui in basso) capace di superare i limiti tecnici della ripresa. Matteo ha soltanto sedici anni, tanto tempo in tasca per continuare a formarsi e nessuna paura delle critiche che ha ricevuto assieme agli apprezzamenti. E ha tanti amici su facebook che lo hanno votato regalandogli un abbonamento: probabilmente, se li merita.

Foto di Matteo Vaccari
FOTO Cult | Tecnica e Cultura della Fotografia | contatti | privacy | credits